Assicurazione per incidenti o danni... Cosa è previsto?

Esiste una copertura assicurativa per il datore di lavoro e la badante...? Come funziona?

Una quota dei contributi versati all’INPS garantisce l'assicurazione INAIL per malattie professionali ed infortuni del lavoratore.

http://lamiabadante.blogspot.it/

I contributi della "Cassacolf" (0,03 Euro/ora) invece forniscono ai datori di lavoro la copertura assicurativa della responsabilità civile nel caso di infortunio del dipendente; ai lavoratori domestici prestazioni di assistenza socio-sanitaria (integrative, aggiuntive e/o sostitutive delle prestazioni sociali pubbliche obbligatorie). Vediamo più in dettaglio...

Cosa si intende per infortunio sul lavoro?

Per infortunio sul lavoro si intende ogni incidente avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro dal quale derivi la morte, l’inabilità permanente o l’inabilità assoluta temporanea per più di tre giorni.
Si differenzia dalla malattia professionale poiché l’evento scatenante è improvviso e violento, mentre nel primo caso le cause sono lente e diluite nel tempo.
L’Inail tutela i lavoratori anche nel caso di infortuni avvenuti durante il normale tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione e il luogo di lavoro.
Cosa si intende per prestazioni assicurative ?

L’Ente predisposto per l’indennizzo dei danni provocati da infortuni sul lavoro è l’Inail, che prevede le prestazioni di carattere economico, sanitario e riabilitativo.
Al lavoratore domestico infortunato sul lavoro, convivente e non, spettano le seguenti prestazioni:
  • una indennità giornaliera per l'inabilità temporanea;
  • una rendita per l'inabilità permanente;
  • un assegno per l'assistenza personale continuativa;
  • una rendita ai superstiti ed un assegno in caso di morte;
  • le cure mediche e chirurgiche, compresi gli accertamenti clinici;
  • la fornitura degli apparecchi di protesi.
Quando fare denuncia?

Per avere diritto alle prestazioni, il datore di lavoro deve denunciare l’evento, compilando il modello predisposto e allegando il certificato medico, nei seguenti termini:
  • infortuni mortali o presunti tali: entro le 24 ore, telegraficamente
  • Infortuni prognosticati come non guaribili entro 3 giorni: entro 2 giorni dalla ricezione del relativo certificato medico
  • Infortuni prognosticati come guaribili entro 3 giorni, ma non guarite entro tali termini: entro 2 giorni dalla ricezione del relativo certificato di prosecuzione
La denuncia all’INAIL deve essere redatta su un apposito modulo e corredata dal certificato medico.
Chiedi all'agenzia o caf di aiutarti nella compilazione del modulo



Cosa prevede come prestazione la Cassacolf per i datori di lavoro?
Cassacolf, cassa assistenziale per tutti i rapporti di lavoro per i quali viene applicato il contratto collettivo sul lavoro domestico, fornisce ai datori di lavoro una copertura assicurativa della responsabilità civile nei casi di infortunio del lavoratore domestico.
Se sono stati versati contributi contrattuali per 4 trimestri consecutivi ed è stata raggiunta la soglia minima di versamenti pari o superiori a € 25, il datore di lavoro avrà diritto, nel caso di decesso o invalidità permanente del dipendente a causa di infortunio per il quale sia stata attivata la rivalsa INAIL, una polizza assicurativa per la responsabilità civile del datore di lavoro con un massimale annuo pari a € 50.000, in cui rientrano le spese legali.

La polizza non comprende i danni provocati, a terzi, dai collaboratori domestici o derivanti da atti dolosi del datore di lavoro.