26/10/2014

Colf a 10 €/ora per tutte le esigenze!




Sei una persona molto impegnata e esigente per la pulizia della casa?


Analizziamo la tua richiesta per trovare la persona più idonea in base all'abitazione, alla famiglia e agli orari.. 
da 3 ore a settimana... alla convivenza (giorno e notte).

Selezionare i personali domestici che meglio si adattano alle tue esigenze. 

La professionalità, ovvero l’idoneità dei canditati, e la continuità al lavoro, riassumono i nostri obiettivi in fase di pre-selezione dei lavoratori.

L’onestà nel rispetto degli impegni per i nostri clienti, la nostra esperienza e la costante dedizione ai compiti di reclutamento e la fidelizzazione degli assistenti familiari, sono le chiavi del nostro successo.

MAGGIORE INFORMAZIONI




09/10/2014

LE 3 DOMANDE DI FIGLI CON GENITORI MALATI DI ALZHEIMER

La prima reazione dei figli è il rifiuto della malattia e l'ipotesi alternativa è quella di giustificarli credendo si possa trattare di depressione, attirare l'attenzione verso di se pensando di essere trascurati quindi si sforzano poco nella vita quotidiana nel ricordare e nel ragionare.


Cercano di ottenere informazioni su:
- Come aiutarlo e dargli sollievo? 
- Cosa accadrà in futuro?
- Quali servizi hanno a disposizione?

Come reagiscono i figli?
Si sentono quasi abbandonati carichi di un peso psicologico, emotivo, sociale ed economico enorme. 
Provate dolore a vedere il vostro caro disorientato, che chiede più volte la stessa cosa e che si dimentica di molte e cose e soprattutto non riconosce le persone accanto a lui. 

Quali sono i disagi?
- Non possono lasciare la persona da sola in casa;
- Devono mettere in secondo piano l'attività lavorativa e la vita sociale;
- Aumenta la fatica, sensazione di frustrazione e incertezza, non sapere come affronate i cambiamenti inaspettati.

Quali possono essere le soluzioni?
- Imparare  a riconoscere, anticipare e fronteggiare gli impegni e rinforzando l'autostima;
- Prendere la decisione di migliorare la propria vita con coscienza e solidità, rivolgendosi a esperti;
- Ricorrere ad un supporto esterno adeguato, assumendo una badante che stia accanto al vostro caro anche 24h su 24. 

La Federazione Alzheimer Italia che, dal 1993 offre aiuto e supporto ai malati, alle loro famiglie e a chi li assiste offre varie tipi di servizi:
Pronto Alzheimer, linea telefonica di sostegno attiva tutti i giorni per familiari, volontari, operatori.
Consulenze gratuite di vario genere sia di presenza che telefoniche e per email per preparare la famiglia ad affrontare con competenza il carico dell’assistenza.
Accordo con Equitalia per rispondere alle difficoltà che spesso i parenti affrontano nel prendere in mano la situazione contributiva del malato.
Corsi di formazione per familiari, volontari, operatori socio-sanitari, infermieri, medici.
Centri di diagnosi e consulenza, elenco dei centri dove avere una diagnosi e consulenza medica.
Cliccate qui per andare alla pagina introduttiva delle Unità di Valutazione Alzheimer, dei Nuclei e degli Istituti di Riabilitazione dedicati ai malati di Alzheimer in Lombardia.
Materiale divulgativo e informativo: potrete trovare i libri della Federazione Alzheimer Italia e la lista dei libri consigliati, le Schede di Consigli Utili, le Schede di Consigli Legali, le Schede Informative e i Dossier tratti dal Notiziario "Alzheimer Italia", i Notiziari.

 
http://lamiabadante.blogspot.it/p/badante.html


07/10/2014

3 errori maggiori commessi dai figli con genitori anziani/ammalati che crea nervisismo e senso di colpa

Secondo vari studi, i figli con genitori anziani/ammalati commettono tre errori principali che crea in loro stanchezza e senso di colpa :

1- Non affrontano il problema subito, tralasciandolo!

Prendere una decisione in famiglia può diventare molto complicata sopratutto quando ci sono più fratelli e sorelle che devono mettersi d'accordo.


Dal resto bisogna anche convincere la mamma e il papa' che da soli non c'è la fanno più a portare avanti la casa, fare la spesa, fare da mangiare... Ma tante persone non sono abituate ad avere personale domestico per la casa, e tengono molto alla loro indipendenza, avendo paura inoltre che "qualcuno tocchi le loro cose..." (e la loro intimità).

Tutto questo fa si che magari i figli si interessano al problema, ne parlano e poi pero vengono spesso pressi dal "senso di colpa" di dovere forzare i loro cari ad adottare un cambiamento delle loro abitudini... ed aspettano per mesi fino a quando... SUCCEDE QUALCOSA!

2- Non prendono in considerazione di prendere una badante

Si cercano aiuti statali pero non c'è ne sono a sufficienza, allora i figli cominciano a valutare la possibilità di portare in casa di riposo oppure di prendere una persona che venga ogni tanto "a vedere come va il papa' o la mamma in casa"

Comincia cosi un rapporto poco professionale, spesso rappresentato da vicini/parenti/amici venuti qua per guadagnarsi qualche soldi, pero non sempre in modo regolare...

Tante persone hanno paura di prendere una badante con "tutto quello che si racconta al telegiornale", a maggiore ragione per semplice paura dell'ignoto... (e qualche volta dello straniero)

In più è complicato a gestire: Per mettere "in regola" bisogna chiedere tante informazioni in giro e non sanno dove andare ad informarsi.


3- Non chiedono aiuto a enti o agenzie specializzate.

Esistono enti e agenzie specializzate pero tante famiglie non le conoscono o fanno fatica a trovarli... ! (anche su internet)

Poi preferiscono affidarsi al "passa parola" anche se questo metodo sembra a prima vista la soluzione migliore, si ritorna spesso contro la famiglia quando non ha avuta la possibilità di scegliere la persona in base a vari criteri (orari, preferenze come lavoro, carattere...) 

In certi casi può rivelarsi un vero disastro quando la badante se ne va via con "la scusa" di dovere tornare d'urgenza a casa per un malore... Quando si scopre che in realtà non le piaceva il lavoro.

Poi le agenzie costano per cui dovrà pagare una commissione per trovare una persona valida. Ma non vedono che le agenzie sono le uniche a disporre di contatti sufficienti per trovare le persone idonee e conoscere il metodo per selezionare. Siamo qui per questo! Anche quando la badante va in vacanze...

Instaurare il rapporto di lavoro non è una cosa che si può improvvisare in poco tempo visto il numero di pratiche amministrative da svolgere (lettera di assunzione, denuncia all'inps, comunicazione di ospitalità alla polizia... ecc) Va fatto solo tramite agenzia specializzata.


03/10/2014

Capire i rapporti interpersonali

Il nostro metodo di selezione si basa inizialmente sul colloquio di gruppo per fare uno screening e ridurre il numero di candidati da convocare singolarmente per un colloquio individuale approfondito e la successiva presentazione alla famiglia.



Perché il colloquio di gruppo?

- fanno emergere tratti della personalità, che senza il confronto con gli altri candidati rimarrebbe nascosta.
- evidenziano il modo di interazione tra le persone: rispettando i tempi di comunicazione, e affrontare un dibattito con rispetto e educazione, anche facendo conoscere le proprio opinioni diverse dalle altre.
- mettono allo scoperto il carattere di una persona: timida, chiusa, aggressiva, logorroica, assertiva.

Come si svolge:

- I candidati (dai 4 agli 8) vengono invitati ad accomodarsi attorno ad un tavolo e a presentarsi agli altri facendo una breve descrizione di se stessi e delle proprie esperienze;
- Vengono richieste le preferenze cosi da poterli indirizzare meglio ad una situazione specifica adatta a ciascuno per un tempo di  medio/lungo termine;
- Si descrivono le varie offerte di lavoro;
- Ogni candidato "sceglie" quella che preferisce, la proprio situazione "ideale".

Dopo il primo screening, vengono selezionati i candidati idonei per un colloquio individuale e la registrazione all'agenzia e la futura proposta di lavoro!

Prepararsi all'arrivo della badante

Sappiamo che decidere la famiglia e gli anziani a prendere una badante non sia facile.



Prima di tutto la decisione nasce dalla necessità:
- la persona non è più in grado di rimanere da sola senza aiuto.
- i figli non riescono a provvedere loro stessi all'assistenza per propria esigenze (lavoro, famiglia...)

Come abbordare l'argomento in famiglia?

I problemi da affrontare con l'età non sono tabù!
Vanno discusso e valutate le possibile alternative: badante, casa di riposo, ....
Affrontare l'aspetto economico insieme a quello "morale"..

Perché rimanere a casa potrebbe "costare di più... però cosa è possibile e desiderabile per l'aspetto emozionale del'anziano?

Come prepararsi all'arrivo della badante?

La prima cosa è non forzare la persona se è in grado di capire, è meglio avvicinare dal argomento gradualmente.

Una volta decisi della scelta di iniziare un rapporto di lavoro e avendo scelto la persona giusta, si dovrà organizzare la casa (posto letto), la lista medicine, l'affiancamento iniziale con i familiari...

Una buona preparazione assicura un buon rapporto tra famiglia e assistente!



01/10/2014

Relazioni Conflittuali: Uccidi il "mostro" quando è piccolo

Le relazioni umane possono risultare conflittuali se non vengono aperte le menti e le discussioni.


Vivere insieme che sia a casa o al lavoro è creare il rischio di possibili incomprensioni per piccoli o grandi argomenti.

Ogni volta che il dubbio di un problema sorge nel gruppo o in famiglia, parlarne apertamente è il modo più semplice e tranquillizzare le persone delle buone intenzioni.

Un pensiero negativo non detto potrebbe ingrandirsi è diventare impossibile a perdonare.

Invece se il 'mostrò' ovvero il problema è piccolo è più facile 'ucciderlo' ovvero risolverlo.

Le relazioni le più sane e durature sono create con l'accettare quello che pensano gli altri ma ancora bisogna essere al ascolto degli altri per originare il perdono.

26/09/2014

Motivazione: garanzia di successo tra Badante e Famiglia

L'atteggiamento dei lavoratori rispetto alla loro azienda o a loro datore di lavoro conta più che le sue capacità e qualifiche.

Sorprendono sempre le famiglie quando si ritrovano con una persona alle loro dipendenze che non riesca a stabilire un rapporto inter personale con  la famiglia, anche se l'"aveva consigliato un amico"

Purtroppo avere già lavorato come badante non significa che la persona sarà in grado di fare correttamente questo lavoro.
Come ogni lavoratore, la motivazione è il fattore chiave di durata di lavoro presso la stessa famiglia, ciò che fa che sia la famiglia che il lavoratore siano soddisfatti.

Come sapere se la badante potenziale è "motivata"?

L'importante non è proporre alla persona "un lavoro" ma "il lavoro che cerca" proponendo più di uno.

Davanti alla scelta tutti noi siamo più inclini a cercare ciò che preferiamo piuttosto che "accontentarsi per il momento"...

21/09/2014

Webcolf: gestione amministrativa delle colf

Webcolf è una soluzione vantaggiosa e molto professionale di gestione on-line di pratiche amministrative connesse al contratto nazionale delle colf e badante.

Non sono richieste conoscenze particolare informatiche per utilizzarlo e viene impostato passo dopo passo il contratto e la documentazione corrente necessaria per gestire la collaborazione domestica.

I calcoli che una volta venivano fatti a mano sono automatizzati per una maggiore sicurezza nella giustezza dei conteggi e la stesura rapida e professionale delle buste paga e bollettini inps.

Il forum del sito è un'ottima fonte di informazione costantemente aggiornata da professionisti del settore. Raccomandiamo il programma sia per professionisti del settore, sia per operatori privati. ;-)

Maggiori info www.webcolf.com



20/09/2014

Gestire le richieste di ferie della badante?

Non fare partire la badante in ferie senza firmare un accordo scritto...!




La tutela della famiglia e del lavoratore sono tali di dovere rispettare certe regole burocratiche (senza mancanza di fiducia) pero indispensabili al buon proseguimento di ogni rapporto lavorativo!

Il lavoratore deve chiedere dei permessi o ferie con congruo preavviso presentando un modello preimpostato, precisando le date di inizio e fine del congedo.

SCARICA ORA IL MODELLO di Richeste Assenze/ferie:

https://docs.google.com/uc?export=download&id=0B0G3mm0YjGrbdEdZY2UtWWxiekE

Questo modello va firmato da entrambe le parti e il datore di lavoro può 
decidere di accettare o respingere la proposta. Sapendo comunque che le ferie dovranno essere saldate entro 6 mesi 
massimo dell'anno successivo.

N.B. Se la badante/colf non ha maturato sufficienti giorni di ferie, potranno essere segnati gli altri giorni come "permessi non retribuiti"







Articoli più amati