23/06/2015

Assistenza genitori anziani legge 104: ANCHE SE HO LA BADANTE?


Come tutti già sanno, la legge 104 del 1992 permette ai familiari di persone gravamente malate o direttamente a questi ultimi, di avere dei permessi retribuiti, esattamente tre al mese e frazionabili.
Ci si chiede però se si può godere di questi permessi anche se il familiare con la disabilità è assistito da una badante?


La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27232/2014, ha ribadito che se nella casa familiare del disabile è presente un' altra persona tenuta a provvedere all'assistenza del parente, la presenza di una badante non esclude di per sé il diritto ai tre giorni di permessi mensili retribuiti, non potendo in tal modo eludersi lo scopo perseguito dalla normativa, in quanto è legittimamente presumibile che, essendo il lavoratore impegnato con il lavoro, all'assistenza del parente provveda un'altra persona.

Così come è ragionevole che quest'ultima - una eventuale colf o badante - debba fruire di alcuni giorni liberi e questi giorni possono coincidere con i tre giorni di permessi del lavoratore.

Bisogna precisare che prima della riforma avutasi con la L. n. 183/2010, la legge n. 104 subordinava l'ottenimento dei permessi retribuiti a due requisiti concomitanti: quello della continuità e quello della esclusività dell'assistenza al parente. Stando però alla recente pronuncia, tali requisiti vanno interpretati in modo più flessibile, ed in particolare:
  • la "continuità" non viene meno se il lavoratore ed il familiare vivono in città distanti: la lontananza non è motivo per negare i permessi di cui alla legge 104;
  • la "esclusività" non significa che la presenza di una colf o badante con il familiare disabile possa pregiudicare la possibilità per il lavoratore di ottenere i permessi, proprio perché la badante ha diritto anche quest'ultima ai riposi settimanali durante i quali sarà il parente a prendersi cura del familiare disabile.

Per accedere ai giorni di permesso retribuito previsti dalla 104 è invece necessario:
  • essere lavoratori dipendenti e iscritti all’INPS;
  • che il portatore di handicap sia in situazione di disabilità grave ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/92;
  • che vi sia l’assenza di un ricovero a tempo pieno della persona con disabilità grave.
Per conoscere come richiedere la 104, a chi spettano i permessi retribuiti, chi sono invece i soggetti esclusi, i dettagli sulla retribuzione dei permessi leggi qui: (legge 104: per saperne di più)




Articoli più amati